freddo 3
Casa

Il lavoro del climatizzatore: 4 passaggi per rinfrescare la casa

freddoIl prelievo dell’aria calda

La prima fase del processo che consente di avere una casa fresca e che dona sollievo dal caldo parte con il prelievo dell’aria calda esterna grazie all’unità esterna: una specie di grande ventola che risucchia l’aria. Meglio ricordarsi di pulire l’unità esterna così da no avere sporcizia incastrata dentro. Un buon modo per avere il massimo del beneficio e il minimo di consumi elettrici è posizionare in maniera intelligente l’unità esterna. Questa, anche secondo gli esperti di manutenzione e assistenza condizionatori a Roma, deve essere messa preferibilmente all’ombra o in un luogo fresco così l’aria presa sarà meno calda e il climatizzatore dovrà fare meno fatica per rinfrescarla a dovere.

Il passaggio per raffreddarla

L’aria presa da fuori è molto calda e ora va fatta raffreddare. Questo è possibile grazie al gas refrigerante che va ricaricato di tanto in tanto altrimenti il climatizzatore lavora senza produrre aira che rinfresca gli ambienti.

La pulizia e filtrazione del getto

Il passaggio successivo è quello di far passare l’aria rinfrescata nei filtri che hanno il compito di intrappolare e trattenere tutti i pollini e il pulviscolo che è presente nell’aria affinché venga purificata. Se l’aria non fosse purificata si rischi di avere in casa molto polline che potrebbe causare allergia nei soggetti che hanno questo tipo di sensibilità. Inoltre, per chi abita vicino a una strada o un incrocio sarebbe spiacevole respirare lo smog delle automobili e degli altri veicoli. I filtri che hanno questo compiti vanno puliti regolarmente con detergenti antibatterici specifici grazie alla ditta di manutenzione e assistenza climatizzatori Roma per evitare che vi sia proliferazione batterica pericolosa per la salute.

L’uscita del getto di aria fresca

L’ultimo passaggio è quando l’aira effettivamente esce dalla bocchetta centrale rinfrescata e pulita. è necessario fare attenzione alla direzione del getto poiché se colpisce direttamente le persone potrebbe essere doloroso a livello muscolare e articolare, tanto da far sorgere dolori come il torcicollo.