aaaaa
Attualità

Ludopatia

aaaaaLa ludopatia è un problema molto diffuso all’interno della nostra società basata sullo spendere e allo stesso tempo l’accumulare. Spendiamo denaro alcune volte senza motivo, solo per il gusto di possedere oggetti spesso perfettamente inutili. Oppure, facciamo “investimenti”. Può essere che qualcuno sceglie di investire negli immobili ad esempio, e in questo caso si tratta d’investimenti reali che se ben fatti, possono davvero portare a dei cambiamenti. Ed esistono gli “investimenti” come quelli nelle scommesse sportive, nel mondo dei casinò, delle slot machine. Con l’avvento della legalizzazione del gambling online poi, la ludopatia si è diffusa ancora di più perché potenzialmente tutti hanno modo di accedere a queste piattaforme.

La ludopatia è un problema molto serio anche durante la fase adolescenziale dell’individuo. E’ proprio in questo periodo che si va a formare la persona. Avvengono trasformazioni psicologiche, fisiche, emotive, cognitive, comportamentali… ecco che alcuni ragazzi cadono nella dipendenza e una di queste è proprio quella nei confronti del gioco.

Secondo gli esperti, è la fascia più a rischio di tutta la popolazione e, sviluppare una dipendenza in questa età, significa probabilmente portarsi dientro un problema per gran parte della propria vita.

Il dipartimento delle Politiche Antidroga, ha evidenziato che tra i 15 e i 19 anni, circa il 20% dei maschi e il 10% delle femmine, ha un comportamento problematico nei confronti della dipendenza da gioco.

Come contrastare la dipendenza dal gioco?

L’OMS da tempo ha definito la ludopatia una malattia e ogni stato UE si è mosso per fare norme precise per questo campo. Tuttavia non sono applicate fin troppo spesso. Non è poi tanto raro vedere giovanissimi, chiaramente minorenni, alle prese con le slot machine nelle sale apposite o nelle tabaccherie. Il rischio è quello che migliaia di giovani cadano in questo problema, particolarmente a rischio sono quelle persone che soffrono di depressione, fragilità psicologica e ansia.